Cenni storici:

Le notizie sulle origini di Poggio Moiano sono frammentarie, tuttavia si pensa che fosse un insediamento di boscaioli arrivati nella zona tra l’VII secolo e l’anno Mille. La prima volta che Poggio Moiano appare su documenti è il 1083, l’anno successivo viene confermato come feudo da Enrico IV. In una bolla datata 1262 di papa Urbano IV viene denominato castrum e attribuito all’Abbazia di Farfa.Giovanni Battista Savelli, durante il XV secolo se ne impossessò rimanendo nelle sue mani fino al 1462 finche Papa Pio II confiscò a Giacomo Savelli i possedimenti per essersi schierato dalla parte degli Angioini nella guerra con gli Aragonesi per il Regno di Napoli, Poggio Moiano passò poi nelle mani degli Orsini per poi tornare Alla famiglia Savelli, quindi dei Borghese ed infine dei Torlonia. A partire dal 1861 dallo Stato Pontificio venne aggregato alla provincia dell’Umbria del regno d’Italia per poi essere inserita nella proviincia di Rieti a partire dal 1927.

Territorio:

Poggio Moiano sorge a 520 metri di altezza sul livello del mare, sulle propaggini settentrionali del parco regione dei Monti Lucretili, in una zona dedita prettamente alla coltivazione di ulivi, essendo al centro della Sabina famosa per l’olio extravergine d’olivo.

Cultura ed eventi:

Il paese nel periodo di inizio estate ospita ogni anno la manifestazione dell’Infiorata che in Onore del SS.Cuore di Gesu’ ospita migliaia di visitatori ed addetti ai lavori per 3 giorni e 3 notti ininterrottamente vede pullulare tra le proprie vie, piene di colori e di giovanile entusiasmo! Famosa è la cava di travertino che per decenni ha dato lavoro agli uomini del paese e fornito di materiale prezioso l’edilizia della zona ed anche l’architettura di Palazzi e Monumenti storici in Italia ed all’Estero.

Dati statistici:

Coordinate 42°12′N 12°53′E, Altitudine 520 mtslm, Superficie 26,95 km2, abitanti 2.642, densità 98,03 ab/km2.

I nostri consigli